Thanksgiving Day una Festa Americana

Freedom from want – Norman Rockwell

Anche se, secondo gli storici, la data può essere di qualche anno anticipata rispetto all’arrivo dei padri pellegrini a bordo della Mayflower, nel 1621 abbiamo una delle ricorrenze più incredibili nella storia della condivisione sociale o in quello che oggi nella routine di tutti giorni viviamo: lo stare a tavola tutti insieme in pace (anche se nella maggior parte dei casi spesso non è così). La straordinarietà di questa celebrazione non è il tacchino seppure delizioso (poi ci torniamo più tardi sul tacchino) e neppure tutte le altre prelibatezze che compaiono sulla tavola sia di ricchi sia di poveri, il giorno del ringraziamento è un giorno di solidarietà e di ringraziamento nei confronti di chi ha potuto permettere ai padri pellegrini di insediarsi pacificamente (per un primo periodo) e dare vita a una nazione piena oggi di grandi contradizioni: l’America. La tribù locale indiana i Wampanoag infatti accolse pacificamente i padri pellegrini che a loro volta li ringraziarono invitandoli a pranzo in segno di pace tra i due popoli (una pace che sarebbe durata 50 anni). La festa venne ripetuta da George Washington in segno di ringraziamento per la fine della guerra d’indipendenza e trovò la sua consacrazione con Abramo Lincoln l’ultimo giovedì di novembre nel 1863. La storia vuole che dal giorno successivo al ringraziamento a seguito degli sconti praticati dai negozianti per incentivare le spese in concomitanza con l’inizio del periodo consumistico natalizio, intorno agli anni 60° i registri dei contabili finissero molto spesso l’inchiostro nero perché all’epoca i registri contabili dovevano essere compilati con una penna nera, da qui il nome black Friday.

citazione del quadro di Rockwell nella serie tv modern family

Siamo arrivati alla portata di contorno di questo articolo ovvero il tacchino emblema di questa festa American Made. Ma se vi siete illusi di volerne la ricetta allora avete fatto bene perchè parleremo del giorno dei genocidi di massa dei poveri tacchini che ricevono lo stesso trattamento che ricevetterò gli indiani d’america, entrambi nel 1621 sedevano al tavolo e sul tavolo con loro a festeggiare il giorno del ringraziamento. I tacchini come gli indiani d’america sono stati privati della loro volontà di non essere i prossimi a finire sulla tavola o a morire e nello stesso caso entrambi i protagonisti di questa tradizione sono costretti a vivere in luoghi recintati lontani dall’inclusione, il tacchino nella natura e gli ultimi indiani d’america nella società di oggi. Inoltre gli allevamenti intesivi di tacchini contribuiscono all’inquinamento atmosferico e soltanto in italia sono stimati 25.5 milioni allevamenti intesivi di tacchini. Infine non possiamo non citare il grande film di anmimazione tacchini in fuga del 2013, che narra la vicenda di un viaggio del tempo fino a scombussolare il continuo spazio-tempo per cambiare il giorno del ringraziamento trailer subito dopo la fine dell’articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

Fumetto Magazine

Graphic novel, Fumetto seriale, Bande dessinèe, Historieta.

Mind in Evolution

Mente Corpo Coaching Fitoterapia

Wandering Italia 2018

Traversata a piedi delle Alpi e Appennini

Il blog di Lucrezia Ercoli

Ci sono più cose in cielo e in terra di quante ne sogni la filosofia

SONO COSE SERIE

Serie tv, fumetti e oltre: tutto ciò che è seriale

Filosofia e nuovi sentieri

«Mi rappresento il vasto recinto delle scienze come una grande estensione di terreno disseminato di luoghi oscuri e illuminati. Lo scopo delle nostre fatiche deve essere quello di estendere i confini dei luoghi illuminati, oppure di moltiplicare sul terreno i centri di luce. L’un compito è proprio del genio che crea, l’altro della perspicacia che perfeziona» Denis Diderot

bibliofilosofiamilano

Blog della Biblioteca di Filosofia, Università degli studi di Milano

Per un pugno di film

I film vanno visti tutti, non tutti meritano di essere visti...

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

Chest of Tales

The core of all life is a limitless chest of tales

BLACK BEEMOT

RACCONTI DALLO SPAZIO PROFONDO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: